Il “forno di chi cucina e mangia naturale” l’essiccatore.

screenshot_20180503-092012_google1986354729854612085.jpg
Come già vi avevo accennato, dallo svezzamento di Giulia (la mia duenne) ho sentito l’esigenza di proporre in tavola pietanze con alimenti sani e preparazioni leggere ma gustose. Il più naturali possibile.
Per un’alimentazione naturale ci sono degli elettrodomestici specifici che dovrebbero far parte della nostra cucina come il frigorifero, i fornelli e le pentole.
Un buon frullatore ed un buon estrattore sono fondamentali tanto come un efficiente essiccatore!
L’essiccatore è un elettrodomestico poco conosciuto, che ancora non fa parte della nostra cultura culinaria, ma che se si impara a conoscere non potrà più mancare nelle vostre/nostre cucine.
Ho deciso di parlarne perché con l’arrivo della primavera e dell’estate troverete nel blog moltissime ricette che ne prevedono l’utilizzo. E sì…. assisterete alle mie preparazioni delle provviste per l’inverno di ortaggi e verdure che altrimenti d’inverno non troverei.

Vi starete chiedendo perché essiccare un alimento?

L’essiccazione è da sempre tra i metodi più naturali di conservazione.
Essiccare al sole è il metodo più antico e più salutare oltre ad essere il più economico ed il più ecologico.
Gli alimenti essiccati non subiscono drastici interventi di natura fisica né aggiunte di sostanze chimiche e/o di ingredienti come sale, aceto, olio, zucchero, che ne alterano la composizione comportando variazioni nutritive in termini di contenuto calorico, di sali minerali e vitamine.
La logica alla base del processo di essiccazione è semplice: privando gli alimenti del loro contenuto di acqua per circa l’80-90% si inibiscono i microrganismi, dato che normalmente necessitano dell’acqua stessa per sopravvivere. E’ questa trasformazione che ci permette di conservare i cibi essiccati anche per lunghi periodi di tempo.
L’essiccazione è la soluzione ideale per non sprecare nulla, in più frutta, funghi, legumi, ortaggi ed erbe conservano il loro sapore e tutta quella vitalità intrinseca che con la cottura andrebbe persa.

Ora che vi ho solleticato la curiosità vi spiego (o meglio ci provo) che cos’è l’essiccatore.
Solitamente alla domanda che cos’è un essiccatore rispondo:
”il forno di chi mangia naturale “
La sua funzione è quella di disidratare frutta, verdura, erbe aromatiche, bucce, semi e funghi e moltissimo altro. In realtà ha pochissimi limiti, bisogna solo avere voglia e tempo di sperimentare. Non superando determinate temperature, non cuoce come invece fa un normale forno , ma appunto ,essicca, ottenendo lo stesso effetto che si otterrebbe con il sole.
A prima vista può sembrare complicato, ma in realtà è semplicissimo.
Gli essiccatori attualmente in commercio a uso casalingo sono dotati di cestelli (a seconda del modello varia il numero e la forma) estraibili su qui si ripongono a terreno a julienne o tritati gli alimenti che si vogliono essiccare. Una volta acceso, l’essiccatore inizia a produrre aria calda che inizierà ad essiccare i prodotti scelti.

Una volta terminato il processo di essiccazione vi troverete un prodotto quasi del tutto privo di liquidi pronto ad essere lavorato e/o utilizzato in molteplici preparazioni.

Buona essiccazione a tutti ♡♡♡ !

Annunci

4 pensieri riguardo “Il “forno di chi cucina e mangia naturale” l’essiccatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...